Le vecchie canne fumarie condominiali....

Home > Normative e Diritti > Le vecchie canne fumarie condominiali....

Le vecchie canne fumarie condominiali....

Le vecchie canne fumarie condominiali....

Problemi con la canna fumaria condominiale? Dubbi sulle possibili soluzioni di messa a norma? Ecco alcuni suggerimenti...
Se il tecnico installatore o manutentore ha segnalato problemi di tiraggio di uno o più apparecchi a gas che scaricano nella canna fumaria collettiva ramificata (C.C.R.), probabilmente questa non è più idonea anche per gli apparecchi degli altri condomini. Questo tipo di canna fumaria è idoneo e previsto per il solo uso con apparecchi a gas a tiraggio naturale, di tipo B, senza ventilatore.
Potrebbe però essere accaduto uno (o più) dei fatti seguenti:
1. La canna collettiva ramificata è ostruita e/o danneggiata nella sua sezione centrale (condotto primario)
2. La canna collettiva ramificata è ostruita e/o danneggiata nella sua sezione secondaria, immediatamente all'imbocco dopo l'apparecchio (condotto secondario)
3. Sono state effettuate modifiche alla canna fumaria, non previste nel progetto originario (es. interventi e/o modifiche al comignolo/al tratto terminale)
4. Il tratto di condotto secondario della C.C.R. è troppo breve: di norma il condotto secondario dovrebbe proseguire in verticale, senza strozzature per circa 1 piano (2,5 - 3 mt.) sopra l'imbocco dall'apparecchio, per poi confluire nel condotto primario. Può accadere che sia stato montato male all'origine l'"elemento deviatore" o addirittura che l'intero elemento prefabbricato in calcestruzzo della C.C.R. sia stato montato in modo errato
5. Le sezioni originarie di progetto dei condotti secondari e/o del condotto primario della C.C.R. non sono idonee a smaltire i fumi di tutti gli apparecchi a gas (il problema può derivare da un sottodimensionamento della canna fumaria, come pure da un sovradimensionamento delle potenze degli apparecchi installati o sostituiti rispetto al progetto originario della canna fumaria, che dovrebbe riportare i valori delle potenze massime previste dal costruttore della C.C.R.).
6. Sono stati installati uno o più nuovi apparecchi a gas di potenzialità troppo elevata per la canna fumaria, che non riesce più a smaltire i fumi di tutti i condomini in modo efficiente
7. Sono stati installati uno o più nuovi apparecchi a gas di moderna concezione, con efficienza energetica superiore ma temperatura dei fumi inferiore, i quali fumi di scarico "più freddi" hanno maggiore difficoltà a smaltire i fumi nella canna fumaria rispetto ai vecchi apparecchi precedenti (meno efficienti, ma con fumi più caldi)
8. Sono stati installati uno o più nuovi apparecchi con ventilatore e non a tiraggio naturale (gli unici apparecchi ammessi su una C.C.R. sono a tiraggio naturale), i quali mettono in pressione la C.C.R. e rendono difficoltoso lo scarico degli apparecchi a tiraggio naturale degli altri condomini
9. Sono stati convogliati nella C.C.R. scarichi (non ammessi) di altri tipi di apparecchi dotati di ventilatore (es. cappe da cucina), i quali mettono in pressione la C.C.R. e fanno da "tappo" con i loro scarichi a quelli degli apparecchi a tiraggio naturale degli altri condomini
Indipendentemente dalla causa, gli apparecchi a gas a camera aperta che non hanno tiraggio sufficiente tiraggio non possono essere utilizzati, per il rischio di riflusso dei fumi dalla canna fumaria.

Inoltre, il segnale dello scarso tiraggio è indice di un potenziale problema alla canna fumaria collettiva condominiale, di cui è responsabile l'Amministratore.
Per questo, il tecnico diligente dovrà premunirsi di far sapere all'Amministratore del problema alla canna fumaria, che può riguardare gli apparecchi di altri condomini (questo ovviamente anche nel caso in cui il singolo apparecchio con tiraggio insufficiente si trovi installato all'esterno, in quanto non è detto che tutti i condomini utilizzino caldaie installate all'estermo).
Premesso ciò, occorrerà che l'Amministratore disponga al più presto possibile una videoispezione almeno del condotto primario/centrale della canna fumaria, e se possibile anche di tutti i condotti secondari.

L'Amministratore potrà richiedere e raccogliere gli esiti dei controlli periodici strumentali operati entro l'ultimo biennio dai manutentori di fiducia dei vari condomini (prova fumi delle caldaie, non applicabile però agli scaldabagni), allo scopo di accertare i tiraggi.

Infine l'Amministratore potrà anche richiedere una dichiarazione ai responsabili dei vari impianti e apparecchi (di norma gli occupanti), i quali dovranno garantire di non avere allacciato alla C.C.R. alcun tipo di apparecchio elettrico, a gas o di altro tipo dotato di ventilatore (es. caldaie / scaldabagni / stufe o cappe da cucina).

A seguito dei risultati della videoispezione condotta da una ditta specializzata, l'Amministratore convocherà un'Assemblea per esaminare i risultati e -se necessario- proporre una soluzione tra quelle di seguito esemplificate o altre ad hoc:
1. Installazione di una nuova C.C.R. esterna in acciaio cui collegare gli attuali apparecchi a camera aperta
2. Installazione di una nuova C.C.S. (canna collettiva singola) esterna in acciaio e sostituzione degli apparecchi a camera aperta con nuovi apparecchi a camera stagna (tipo C)
3. Intubamento con condotto in acciaio del condotto primario della C.C.R. (se idoneo per sezione) e installazione di apparecchi a camera stagna (tipo C) con scarico nella nuova C.C.S. (canna collettiva singola) ottenuta.
4. Risanamento degli elementi non idonei della C.C.R. con inteventi edili eseguiti su indicazione di un progettista termotecnico (es. spostamento/reinserimento dei setti deviatori montati male)
5. Risanamento della vecchia C.C.R. e installazione di nuovi apparecchi a camera stagna (tipo C) sulla C.C.S. (canna collettiva singola) così ottenuta
6. Intubamento con una nuova C.C.R. in acciaio di un cavedio di servizio eventualmente esistente e mantenimento degli attuali apparecchi a camera aperta
7. Intubamento con condotto in acciaio singolo (C.C.S.) di un cavedio di servizio e sostituzione degli apparecchi con altri a camera stagna (di tipo C)
Nel caso i problemi di tiraggio si rilevino solo su un singolo impianto/installazione (es. per il montaggio errato di un singolo elemento prefabbricato in calcestruzzo della C.C.R., che interessa un solo piano/impianto) il Ministero delle Attività Produttive ha chiarito che il responsabile di impianto (occupante) potrebbe scegliere di installare una caldaia con ventilatore di tipo "ecologico" (es. tipo C Low NOx) con scarico a parete: infatti in
questo singolo caso non sarebbe mai concesso al condomino scaricare nella C.C.R. con il nuovo apparecchio con ventilatore (non idoneità tecnica della C.C.R. per il nuovo apparecchio), mentre richiedere il rifacimento di tutta la C.C.R. al condominio sarebbe una spesa sproporzionata (in quanto gli altri impianti/tratti della C.C.R. funzionano bene e sono ancora idonei).
Tutti gli interventi sulla Canna Fumaria dovranno essere progettati ed eseguiti da una ditta specializzata e abilitata allo scopo ai sensi della Legge 46/90.

L'Amministratore dovrà diffidare qualsiasi soggetto non esperto e non qualificato dal porre in opera soluzioni e tentativi improvvisati sulla Canna Fumaria Collettiva (ad. es. installando comignoli o torrette non progettate, aprendo fori di ventilazione e aperture non progettate o installando alla sommità della C.C.R. apparecchi ventilatori/estrattori/attivatori di tiraggio meccanici, non consentiti dalla Norma UNI 7129).

Infine occorre ricordare che non è consentito ai singoli condomini cercare di risolvere il problema dello scarso tiraggio della C.C.R. sostituendo il proprio apparecchio con un altro dotato di ventilatore che continui a scaricare nella C.C.R. (ciò metterebbe a rischio la sicurezza degli altri condomini), né disabilitare il "sensore fumi" di sicurezza, specialmente se l'apparecchio è in un ambiente interno/abitato (mette a rischio la sicurezza propria e dei propri familiari.

<< Torna alla Lista
Valliant