Rendimento ovvero Efficenza Energetica

Home > Normative e Diritti > Rendimento ovvero Efficenza Energetica

Rendimento ovvero Efficenza Energetica

Rendimento ovvero efficienza energetica


Volete essere informati sulle migliori tecnologie disponibili? Quando è obbligatoria la misura del rendimento e come va effettuata ?
Nel 1992 la Commissione Europea ha pubblicato la Direttiva 92/42/CEE, con cui introduceva una scala di classificazione del rendimento energetico delle caldaie a gas. Tale classificazione vale su base Europea, ed è oggi il riferimento per i progettisti di caldaie.

La classificazione della Direttiva 92/42/CEE è stata presa a riferimento anche per campagne di incentivazione al mercato attuate da alcuni Paesi Europei, in un'ottica di sensibilizzazione al tema del risparmio energetico.

La classificazione della Direttiva 92/42/CEE si basa su una scala di "stelle" compresa tra UNA STELLA (meno efficiente) e QUATTRO STELLE (più efficiente), misurate sulla funzione "riscaldamento": il rendimento nominale in riscaldamento di una caldaia a quattro stelle può differire da quello di una corrispondente caldaia ad una sola stella anche del 25%.
La tecnologia più diffusa per le caldaie a QUATTRO STELLE è la cosidetta tecnologia della "condensazione".
In pratica, i fumi di scarico (caldi) dell'apparecchio sono raffreddati in scambiatori speciali ad altissimo rendimento fino a raggiungere il punto di condensa (punto di rugiada) del vapor d'acqua presente nei fumi stessi. Il vapore cede il proprio calore all'impianto di riscaldamento e l'apparecchio rilascia all'esterno solo "fumi freddi".

Consultate le caratteristiche delle caldaie a condensazione nella gamma Vaillant.
Una volta scelto l'apparecchio più idoneo al vostro impianto, per mantenerlo in efficienza occorre rispettare gli obblighi di manutenzione e di verifica del corretto rendimento nel tempo.

La misura del rendimento energetico del vostro apparecchio va effettuata una volta ogni due anni per impianti fino a 35 kW, una volta ogni anno per impianti da 35 a 350 kW e una volta ogni sei mesi per impianti sopra i 350 kW di potenza.

Per la misura del rendimento degli impianti a gas e a gasolio, il tecnico manutentore (e il verificatore pubblico) dovranno attenersi alle indicazioni contenute nella Norma Tecnica UNI 10389.
Poichè la Legge (DPR 412/93) impone la sostituzione entro 300 giorni delle caldaie che non rispettino i rendimenti minimi prefissati dal DPR medesimo, è importante ricordare che valori di rendimento riscontrati in condizioni di prova devono essere misurati secondo la Norma Tecnica relativa. Diversamente, non provano necessariamente un cattivo funzionamento dell'impianto (essendo misurati secondo un criterio diverso rispetto a quello utilizzato per determinare il limite di riferimento).
Infine, occorre anche ricordare che i verificatori pubblici sono tenuti ad astenersi dal fornire raccomandazioni sulla messa a norma degli impianti. Tale indicazione ha lo scopo di evitare situazioni di conflitto di interessi.
Il verificatore pubblico, riscontrata un'anomalia sull'impianto, può unicamente invitare a contattare un tecnico di vostra fiducia per risolverla.

 

<< Torna alla Lista
Valliant